Ma che cavolo…?

La parte saliente non e’ quello che scrivo, e’ quello che leggo: che poi, in base a quello che leggo, scrivo. Mi guardo attorno, e poi alzo la mano a chiedere. Posso stare giorni e giorni con la mano alzata.

Ogni tanto mi schiarisco la voce e faccio: “Scusa? Vorrei chiederti se…”, e quello e’ un momento drammatico, perche’ sono due erre mosce al colpo che ti graffiano l’orecchio. A volte tre: capita quando divento impaziente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...